Romagnoli, la Juve come esame per essere il leader vero del Milan