Il "tesoretto" di Bari