Senza Antonelli sai quello che perdi, (quasi) mai quello che trovi