Esuberi, scontenti e difficoltà a vendere: l'intricato rebus del mercato rossonero di gennaio