Il fantastico mondo rossonero del "vorrei, ma non posso"