Niang ala, Cerci in panchina. Ma al Milan serve un nuovo numero "7"