Tifosi e Berlusconi, la fine della pazienza. La società si interroga: il Milan non va bene a nessuno