Carattere, gioco e "riverenza". È nato il vero Milan di Mihajlovic