Dai fischi agli applausi: è la parabola ascendente di Honda