Berlusconi, credici per primo