Roma-Milan, la legge dell'uno a uno e il secondo esordio del Boa