Silvio, scenda dal carro