Storia rossonera, 3 febbraio: il "figlio di Dio"