Anziché esonerare l'allenatore, Berlusconi torni a sceglierlo