Prima di nuovi big, bisogna blindare i pochi che ci sono