Alla scoperta del Sassuolo (delle meraviglie) di Di Francesco dove tutti sono utili, ma nessuno è indispensabile