Avanti col povero Miha, ma poi servirà un uomo del presidente