Da Liedhlolm a Seedorf ed ora Sinisa: al Milan prosegue la maledizione dei tecnici stranieri