Donnarumma e Mauri, le uniche luci nel buio pesto