La Cina non scherza, pronti 150 milioni come garanzia