Più Balotelli che Menez, il paradosso della prima linea