Storia rossonera: nel segno di Stam e Shevchenko