Locatelli, per gli applausi ci vuole tempo