Punto di non ritorno: basterà una nuova proprietà?