Milan ai cinesi, Berlusconi frena. Ma per i mediatori non ci sono intoppi