Tra rinnovi logici e discutibili. L’estate della rassegnazione