Rinnovo Zapata, perché non è sbagliato