Bacca e Zapata, paradossi colombiani sul mercato