Lapadula parte dietro Niang, ma si giocherà le sue carte