Il vantaggio di Montella? La crisi societaria