Mercato di seconde linee: meglio il vecchio del nuovo