La Repubblica: la cordata cinese non vuole accollarsi le vecchie pendenze