Una poltrona per due. Chi sarà il secondo extra-comunitario?