Niang, la perla e il rosso. Ma la società lo perdona