I due volti del Milan, Montella e l'equilibrio interno