Il primo è stato inglese, il prossimo sarà cinese: è partito il toto-presidente