Riserve o forse nemmeno: nel Milan di Montella ci sono già i dimenticati