Il Giornale: Galliani e Donnarumma, destini diversi al Milan