Suso e Niang, gli imprescindibili di Montella