Niang devastante, dalla panchina l'arma in più per Montella