Romagnoli e Donnarumma, i gioielli non si toccano