Corsa, resa e "fascia", il buon momento di Abate