La cessione come una soap: tra il contropiede di Silvio e la melina dei cinesi