Bonaventura: "Ho sempre ammirato i numeri 10. Ormai non sono più teso prima delle partite"