Squadra che vince non si cambia. Montella si affida ai soliti undici, ma occhio ad Antonelli