Il Milan può (e forse deve) fare a meno di Niang