Il Milan e la "sindrome del doppio svantaggio"