Un gol non basta per cambiare. Montella elogia il dualismo ma si tiene stretto il modulo