Il 4-3-3 fino alla morte. Montella e quell'assurdo cambio al 58'