Meno mercato, più campo: ma in pochi meritano la permanenza nel Milan del futuro